Anche Aigae entra in T.r.i.P. Montagna

La Rete T.r.i.P. Montagna per il Turismo responsabile in Piemonte si rafforza con l’ingresso dei 200 professionisti dell’Aigae. Ponendo la Regione all’avanguardia in Italia sul terreno degli accordi tra professionisti dell’outdoor.

Anche Aigae entra in T.r.i.P. Montagna Anche Aigae entra in T.r.i.P. Montagna

100 Luoghi Sweet sulle Alpi

La Rete Sweet Mountains arriva a quota 100 Luoghi per un totale di 4000 posti letto a disposizione dei sempre più numerosi turisti responsabili sulle Alpi italiane del nordovest.

100 Luoghi Sweet sulle Alpi 100 Luoghi Sweet sulle Alpi

Dislivelli.eu luglio-agosto 2016

Che cosa spinge la gente a frequentare, lavorare o vivere in montagna oggi? Oppure, guardandola dalla parte del territorio, quali sono le caratteristiche delle terre alte contemporanee capaci di attrarre le persone?

Dislivelli.eu luglio-agosto 2016 Dislivelli.eu luglio-agosto 2016

Abitanti, residenti, pendolari e alpine users

Che cosa spinge la gente a frequentare, lavorare o vivere in montagna oggi? Abbiamo realizzato questo numero della rivista in collaborazione con gli amici della redazione di Cantieri-d’alta quota, per capire insieme cos’è la montagna e chi sono i suoi frequentatori nel XXI esimo secolo.
di Maurizio Dematteis

Abitanti, residenti, pendolari e alpine users Abitanti, residenti, pendolari e alpine users

Emilio*, freerider

Il freeeriding è diventato uno stile di vita e per me è morto. Il freeriding era altro. Era tutto e niente. Valla a spiegare adesso a un giovane sciatore, questa cosa. A spiegare che il freeriding non dice di noi ma dice dell’aria, dell’acqua, della terra. Vallo a spiegare.

Emilio*, freerider Emilio*, freerider

Daniele*, pisteur

Sarebbe facile raccontarvi di quegli interventi d’avventura nella bufera, oppure di quello eroico in cui abbiamo salvato un surfista. Ma i ricordi più belli sono le indimenticabili giornate passate insieme ai colleghi a proteggere gli ostacoli lungo la pista, e il lavoro in alcuni casi sembrava un pretesto per continuare a stare insieme a sorridere della vita in quegli ambienti spettacolari.

Daniele*, pisteur Daniele*, pisteur

Federico*, speleologo

La speleologia è passare un sacco di tempo con se stessi: in grotta non si va da soli, ma sulle corde e nei meandri lo si è, e i tuoi compagni sono semplicemente persone che vanno nella stessa direzione. Ma sotto terra l’umano è troppo prezioso per essere sprecato. Mentre fuori, spesso, è diverso.

Federico*, speleologo Federico*, speleologo

Una delle duecento, in Piemonte*, guida alpina

E’ dal tempo della Rivoluzione francese che la guida accompagna. La guida alpina, cittadina o valligiana che sia, è il moderno mediatore tra il mondo protetto della pianura e quell’altro mondo, di cui aumenta ogni giorno il bisogno, dove ogni scelta ha un peso.

Una delle duecento, in Piemonte*, guida alpina Una delle duecento, in Piemonte*, guida alpina

Giovanna*, turista di montagna

Ci piace andare sui passi più alti e spettacolari, parcheggiare l’auto, fare una breve camminata e chiudere la giornata con una polenta in uno di quei rifugi-trattoria lungo la strada. Questa primavera siamo stati sulla rinnovata funivia del Monte Bianco, che ora si chiama “skyway”: il contesto è impareggiabile, ma mi è sembrato troppo affollato. E la nuova struttura è bella e avveniristica, però forse un po’ invadente!

Giovanna*, turista di montagna Giovanna*, turista di montagna

Dario*, operaio specializzato

Il lavoro in un bel paesaggio spesso non si svolge in situazioni confortevoli; allora cerco di concentrarmi solo su quello che sto facendo, dimenticandomi di quello che c’è intorno. Alla sera, una volta tolta la tuta, la montagna smette infine di essere lavoro e ridiventa il posto che amo, dove vivo e mi diverto.

Dario*, operaio specializzato Dario*, operaio specializzato

Il turista sweet

Chi è oggi l’“homo turisticus”? Ne abbiamo discusso con i Custodi della montagna nel corso del lungo viaggio realizzato assieme agli amici di Rbe, e ora siamo in grado, per la prima volta in assoluto, di raccontarvelo. Svelare chi è, da dove arriva, cosa cerca e cosa trova il turista alpino del XXI secolo.
di Maurizio Dematteis

Il turista sweet Il turista sweet

T.r.i.P. Montagna: per il futuro delle Alpi

Nasce la rete T.r.i.P. Montagna per il Turismo responsabile in Piemonte, un coordinamento tra associazioni di categoria e realtà culturali impegnate nella valorizzazione del turismo a basso impatto ambientale nelle terre alte piemontesi.

T.r.i.P. Montagna: per il futuro delle Alpi T.r.i.P. Montagna: per il futuro delle Alpi
Ultimi articoli:

Anche Aigae entra in T.r.i.P. Montagna

29 luglio 2016, in: News

La Rete T.r.i.P. Montagna per il Turismo responsabile in Piemonte si rafforza con l’ingresso dei 200 professionisti dell’Aigae. Ponendo la Regione all’avanguardia in Italia sul terreno degli accordi tra professionisti dell’outdoor.

Dislivelli a Lurisia Terme

25 luglio 2016, in: Eventi, News

Giovedì 28 luglio alle ore 10 presso il Salone delle Terme di Lurisia Maurizio Dematteis presenta l’Associazione Dislivelli e la sua rivista web.

100 Luoghi Sweet sulle Alpi

20 luglio 2016, in: News

La Rete Sweet Mountains arriva a quota 100 Luoghi per un totale di 4000 posti letto a disposizione dei sempre più numerosi turisti responsabili sulle Alpi italiane del nordovest.

Dislivelli.eu luglio-agosto 2016

7 luglio 2016, in: News

Che cosa spinge la gente a frequentare, lavorare o vivere in montagna oggi? Oppure, guardandola dalla parte del territorio, quali sono le caratteristiche delle terre alte contemporanee capaci di attrarre le persone?

Abitanti, residenti, pendolari e alpine users

6 luglio 2016, in: News

Che cosa spinge la gente a frequentare, lavorare o vivere in montagna oggi? Abbiamo realizzato questo numero della rivista in collaborazione con gli amici della redazione di Cantieri-d’alta quota, per capire insieme cos’è la montagna e chi sono i suoi frequentatori nel XXI esimo secolo.
di Maurizio Dematteis

 Pagina 1 di 284  1  2  3  4  5 » ...  Last »