Dislivelli.eu n. 108 dicembre 2020-gennaio 2021

La montagna non sarà mai più come prima, nel male e nel bene: bisogna cercare di immaginare cosa significhi questo e adattarsi agli effetti del cambiamento climatico.

Dislivelli.eu n. 108 dicembre 2020-gennaio 2021 Dislivelli.eu n. 108 dicembre 2020-gennaio 2021

Adattarsi alle trasformazioni

Ciò che si è riusciti a fare nel dopoguerra con il boom economico per le aree urbane è la grande sfida di oggi per le comunità alpine. Mettendo al centro giustizia sociale e ambientale per costruire una nuova e inedita abitabilità della montagna.
di Roberto Colombero

Adattarsi alle trasformazioni Adattarsi alle trasformazioni

Riprogettare l’Antropocene

In Florida nel 2015 il Governatore Rick Scott vietò l’uso delle parole “Cambiamento Climatico”, analogamente al Turkmenistan che a marzo ha vietato la parola “Coronavirus”. Mentre si diffondono strategie e progetti sull’adattamento climatico i VIP di Miami Beach fuggono dalle loro ville inaugurando la gentrificazione climatica.
di Alberto Di Gioia

Riprogettare l’Antropocene Riprogettare l’Antropocene

La governance del rischio

A causa della crisi climatica i disastri ambientali aumenteranno di frequenza e intensità. Occorre agire insieme al territorio affinché i cittadini acquisiscano nuove competenze. Per attuare il concetto di governance del rischio.
di Vanda Bonardo

La governance del rischio La governance del rischio

Comunità e adattamento

I cambiamenti climatici in area alpina aprono a riflessioni di importanza centrale non solo per le “scienze dure” e naturali, ma anche per quelle sociali e culturali. E’ una materia complessa che riguarda aspetti prettamente scientifici e completamente sociali, storici e culturali.
di Elisabetta Dall’Ò

Comunità e adattamento Comunità e adattamento

Ripartire dalle aziende agricole

Per fronteggiare cambiamento climatico ed eventi estremi oggi c’è bisogno di affidare una “riconquista” di spazio agro-forestale alla presenza umana. In modo da assicurare esternalità positive, manutenzione e sicurezza. Perché il Paese ne avverte l’esigenza.
di Giampiero Lupatelli

Ripartire dalle aziende agricole Ripartire dalle aziende agricole

Ripristinare più che costruire

Bisogna delocalizzare gli elementi a rischio quando diventano indifendibili. E il recovery fund può diventare il mezzo per realizzare questi propositi, nel quadro del great sustainable reset invocato dal World Economic Forum.
di Renzo Rosso

Ripristinare più che costruire Ripristinare più che costruire

Gestione fluviale fuori scala

La difesa dai e dei fiumi può essere efficace solo su scala di bacino idrografico. Se vogliamo mitigare il rischio geo-idrologico non bastano opere e interventi spot, ma è necessario il recupero degli ambienti fluviali.
di Andrea Mandarino

Gestione fluviale fuori scala Gestione fluviale fuori scala

Il bosco che frena le acque

Boschi e territori gestiti da secoli se vengono abbandonati vanno incontro al “degrado”, che compromette l’erogazione di servizi ecosistemici come la funzione di regimazione delle acque.
di Renzo Motta

Il bosco che frena le acque Il bosco che frena le acque

Allevamenti e sfide del cambiamento climatico

Quali effetti avrà il cambiamento climatico sulle attività pastorali alpine? È una domanda di particolare suggestione per comprendere come varierà il paesaggio montano, modellato in tanti secoli anche dall’allevamento di animali domestici.
di Luca Battaglini

Allevamenti e sfide del cambiamento climatico Allevamenti e sfide del cambiamento climatico

Epidemiologi e geologi

La figura del geologo viene ricercata nell’immediata post-calamità. Salvo poi rimanere ai margini dei tavoli decisionali per “la ricostruzione”. Dove prevalgono i tecnici costruttori paladini della “rapida sicurezza”.
di Paolo Quagliolo

Epidemiologi e geologi Epidemiologi e geologi

L’adattamento del turismo

App, cibo da asporto, e-commerce e appartamenti al posto di relazioni, ristoranti, camere di hotel o B&B. E’ in arrivo sulle Alpi un nuovo modello di disumanizzazione del turismo spinto dalle grosse piattaforme online. Montanari e amanti della montagna devono reagire prontamente con un manifesto che li veda protagonisti delle loro scelte.
di Daniele Pieiller

L’adattamento del turismo L’adattamento del turismo

NATworking: studio e lavoro immersi nella natura

Spazi sottoutilizzati e spopolamento; digital divide e pendolarismo; assenza di tempo libero e stress da lavoro. Le soluzioni sono scritte nei territori, ricchi di energie da liberare per adattarsi al cambiamento, mettendo a disposizione spazi di lavoro immersi nella natura.
a cura di NATworking aps

NATworking: studio e lavoro immersi nella natura NATworking: studio e lavoro immersi nella natura

Nasce il primo piazzale di vendita legno piemontese doc

Il progetto TracciaLegno lancia un piazzale virtuale a km 0. Per aumentare la disponibilità di il legno nobile piemontese e dare impulso a un sistema bosco-legno dalle grosse potenzialità.
di Maurizio Dematteis

Nasce il primo piazzale di vendita legno piemontese doc Nasce il primo piazzale di vendita legno piemontese doc

Ripartire dal costruito

Le terre alte saranno in futuro oggetto di nuove migrazioni dovute alle condizioni climatiche sempre più ostili delle città. In questo scenario, è auspicabile considerare l’ingente patrimonio costruito alpino come preziosa risorsa sulla quale agire per una nuova abitabilità della montagna.
di Eleonora Gabbarini e Maicol Negrello

Ripartire dal costruito Ripartire dal costruito
Ultimi articoli:

Le bandiere del buon governo

7 dicembre 2009, in: News

Da otto anni la Carovana delle Alpi di Legambiente assegna le sue “bandiere nere, ferite aperte nell’ambiente alpino”, e le “bandiere verdi, buone pratiche e idee positive di sviluppo locale” a quelle amministrazioni, enti pubblici, associazioni e operatori che rispettano o meno i criteri di sostenibilità ambientale, sociale ed economica indicati dalla Convenzione delle Alpi e dai suoi Protocolli attuativi.

Viganella allo specchio

7 dicembre 2009, in: News

La storia dello specchio di Viganella diventa un documentario: anteprima nazionale allo Spazio Oberdan di Milano e presentazione ufficiale al Festival di Locarno. “The mirror”, il documentario del regista canadese David Christensen, è dedicato all’originale idea del sindaco di questo piccolo borgo della Valle Antrona, che ha voluto installare uno specchio sulla montagna che sovrasta il paese per portare la luce del sole sulla piazza del municipio, altrimenti al buio per tre mesi all’anno.
Giacomo Pettenati

Si fa presto a dire fagiolo

7 dicembre 2009, in: News

L’antica coltura del fagiolo bianco nel piccolo comune imperiese di Pigna rischiava di perdersi. Ma grazie alla costituzione di un Presidio Slowfood, che fa balzare il prezzo al chilo da 5 a 16 euro, oggi i produttori sono oltre 70. Giovani, intraprendenti e organizzati in un Consorzio locale. Che ogni anno vede il suo prodotto esposto dalle vetrine di piazza Duomo a Milano a quelle della City di Londra.
Maurizio Dematteis

Bard: il Monte Bianco in una stanza

7 dicembre 2009, in: News

Che cosa passa in testa a un ragazzo al pensiero di scalare il Monte Bianco? Un’impresa da pazzi, una sfida da superuomini, un sogno romantico, una bizzarria d’altri tempi? O più semplicemente una stravaganza che attira e terrorizza al tempo stesso, perché un ragazzo di pianura sa poco o niente della montagna, e poi il Monte Bianco è la cima più alta d’Europa, lo scrivono i libri di scuola…
Enrico Camanni

Dislivello digitale

7 dicembre 2009, in: News

Il 7 ottobre scorso la tradizionale tv analogica ha definitivamente smesso di far parte della vita dei cittadini delle province di Torino e Cuneo, lasciando il posto al tanto atteso digitale terrestre.
Un passo verso la modernità? Tutt’altro. L’ennesima dimostrazione della scarsa volontà delle istituzioni di colmare il divario tecnologico di chi vive in montagna.
Giacomo Pettenati

 Pagina 413 di 418  « First  ... « 411  412  413  414  415 » ...  Last » 
Web design e sviluppo: Resonance