Dislivelli.eu n. 98 giugno 2019

Il numero di giugno 2019 di Dislivelli.eu fa luce con l’aiuto dei massimi esperti italiani sulla necessità e sull’urgenza di riflettere sui temi dei Servizi ecosistemici e del loro costo. Per il futuro sul nostro Pianeta.

Dislivelli.eu n. 98 giugno 2019 Dislivelli.eu n. 98 giugno 2019

Servizi ecosistemici. Chi paga?

Nelle politiche e nei processi decisionali bisogna sviluppare strumenti economici innovativi per la conservazione e la valorizzazione dei Servizi ecosistemici. Le esternalità positive o negative della gestione di risorse naturali devono tradursi in ricavi e costi per i gestori.
di Davide Pettenella e Giorgia Bottaro

Servizi ecosistemici. Chi paga? Servizi ecosistemici. Chi paga?

Come affrontare il cambiamento degli ecosistemi?

Le modifiche agli ecosistemi causate dal cambiamento climatico porteranno a conseguenze sociali, culturali ed economiche significative. Che fare? Ad esempio promuovere misure di adattamento nature-based per il rafforzamento della resilienza degli ecosistemi potenziando i sevizi ecosistemici.
di Lorenzo Ciccarese

Come affrontare il cambiamento degli ecosistemi? Come affrontare il cambiamento degli ecosistemi?

Mettere i servizi ecosistemici al centro

Per ri-centralizzare la natura nelle scelte di sviluppo future e individuare le soluzioni efficienti ed economicamente convenienti bisogna partire dalla mappatura e valutazione economica dei Servizi ecosistemici.
di Riccardo Santolini

Mettere i servizi ecosistemici al centro Mettere i servizi ecosistemici al centro

Arco alpino: servizi ecosistemici offresi

Lo spazio alpino è un importante hotspot di servizi ecosistemici (Se) di cui usufruiscono la società intera e i principali settori economici: turismo, agricoltura, energia e trasporti. Una risorsa strategica per la governance territoriale transalpina.
di Lukas Egarter Vigl e Sebastian Candiago

Arco alpino: servizi ecosistemici offresi Arco alpino: servizi ecosistemici offresi

La storia liquida dei Bim

Grazie alla legge sui Bim del 1953 fortemente voluta dai padri della politica montana i primi Pes della storia italiana, i Pagamenti per i servizi ecosistemici, si riversarono sui comuni montani. Con buona pace delle potenti imprese idroelettriche nazionali.
di Oscar Gaspari

La storia liquida dei Bim La storia liquida dei Bim

La tradizione della canapa torna in Ossola

Evelina Felisatti ha 31 anni, un fisico minuto e uno sguardo gentile. Ha scelto di fare la contadina, canapa e antichi cultivar, che produce, trasforma e vende con metodo biodinamico. Il tutto in montagna.
di Marta Geri

La tradizione della canapa torna in Ossola La tradizione della canapa torna in Ossola

Alpine Food Heritage Contest

Un Concorso ad immagini per descrivere il patrimonio alimentare alpino. E ampliare il sostegno alla candidatura del patrimonio alimentare alpino alla lista del patrimonio culturale mondiale immateriale dell’Unesco.

Alpine Food Heritage Contest Alpine Food Heritage Contest

Quando la cultura rafforza i territori

Il 23 e 24 maggio 2019 alla Redoute Marie di Thérèse del comune di Avrieux, nella Maurienne francese, si è tenuto il living lab “Cultura’tractive”, evento all’interno dei Progetti Alcotra Corpo Links Cluster (Clc) e Feast.
di Marcella Rodino

Quando la cultura rafforza i territori Quando la cultura rafforza i territori

Una fotografia delle montagne del Piemonte

Il Rapporto montagne del Piemonte svela tre territori differenti: i Distretti turistici, la Montagna integrata e la Montagna interna. Tre montagne diverse con i loro limiti e le loro opportunità.
di Maurizio Dematteis

Una fotografia delle montagne del Piemonte Una fotografia delle montagne del Piemonte
Ultimi articoli:

Diamont database: 81 indicatori per le Alpi

15 gennaio 2010, in: News

Lo stato dell’arte di ambiente, economia e società nelle Alpi. Questo l’ambizioso obiettivo del progetto europeo denominato Diamont. Una banca dati realizzata dai più accreditati istituti di ricerca europei.
Di Alberto Di Gioia

La discarica di Mattie

15 gennaio 2010, in: News

Una discarica a emissioni zero. C’è riuscita la piccola società di gestione dei rifiuti Arforma a Mattie, in Valle di Susa, Provincia di Torino. Che grazie alla raccolta del biogas, alla sua trasformazione in energia elettrica, all’installazione di pannelli solari, e alla progettazione di impianti eolici, è riuscita a raggiungere e superare gli obiettivi di Kyoto.
Di Maurizio Dematteis

Valle Antrona: un parco per l’uomo

15 gennaio 2010, in: News

Il Consiglio Regionale del Piemonte ha approvato il disegno di legge che istituisce il Parco Naturale della Valle di Antrona, sulle montagne dell’Ossola. Quasi ottocento ettari di natura protetta che dai 500 metri di un fondovalle stretto e buio, sale sino ai 3.660 del Pizzo di Antigene. Unica opportunità, dopo il fallimento dell’industria mineraria, il tramonto dell’industria idroelettrica e del sogno del turismo bianco, per una valle altrimenti destinata al declino.
Di Enrico Camanni

Biomasse: dalle foreste energia per il futuro

15 gennaio 2010, in: News

L’Ipla, Istituto per le piante da legno e l’ambiente, nato nel 1979 dall’acquisizione da parte della Regione Piemonte dell’Inpl, Centro Ricerche delle Cartiere Burgo, svolge un ruolo di studio, monitoraggio e gestione della risorsa forestale. Con la ricorrenza del Trentennale della sua costituzione ha organizzato recentemente un convegno dal titolo “Biomasse: dalle foreste energia per il futuro”. Per riflettere su un’importante fonte di energia rinnovabile.
Di Luca Battaglini

La lavagna interattiva

15 gennaio 2010, in: News

La scuola primaria Nuto Revelli di Piano Quinto, in Valle Stura, Provincia di Cuneo, ha a disposizione una lavagna interattiva per lezioni a distanza condivise. Una risorsa importante per le scuole di montana, minacciate dalla recente legge Gemini. Che viene visitata e studiata anche dai docenti delle scuole d’oltralpe.
Di Maurizio Dematteis

 Pagina 370 di 379  « First  ... « 368  369  370  371  372 » ...  Last » 
Web design e sviluppo: Resonance