Dislivelli.eu n. 96 aprile 2019

I beni comuni nati nel basso Medioevo si trovano oggi alla base di molteplici progetti di ripopolamento e rilancio delle terre alte del nostro paese.

Dislivelli.eu n. 96 aprile 2019 Dislivelli.eu n. 96 aprile 2019

Beni indivisibili e condivisi

Le origini delle “comunità proprietarie di beni comuni” sulle Alpi risalgono al basso Medioevo. Quando per favorire il sorgere di insediamenti permanenti si sviluppano alcuni modelli di riferimento. Come ribadito nel corso del Seminario di Eurac Reasearch “I beni comuni rurali montani: una risorsa per il futuro”, tenutosi a Bolzano il 30 gennaio.
di Annibale Salsa

Beni indivisibili e condivisi Beni indivisibili e condivisi

I commons ai tempi di Luigi Sturzo

100 anni fa Luigi Sturzo creava il Segretariato per la montagna a sostegno delle proprietà collettive delle terre alte. Sciolto nel 1936 l’ente rinasce nel secondo dopoguerra come parastatale ma non riesce a inserirsi nella realtà politica democratica in cui i comuni montani chiedevano l’autonomia gestionale dei propri beni.
di Oscar Gaspari

I commons ai tempi di Luigi Sturzo I commons ai tempi di Luigi Sturzo

Paesaggio bene comune: teatro della democrazia

Il paesaggio è un bene comune nel momento in cui ne viene riconosciuto il valore da parte di una popolazione che si interroga e decide su come partecipare alla sua conservazione e alla sua trasformazione.
di Gianluca Cepollaro

Paesaggio bene comune: teatro della democrazia Paesaggio bene comune: teatro della democrazia

Le cooperative di comunità

Le cooperative comunitarie producono coesione sociale e permettono a vecchi e nuovi montanari di rimanere in montagna sviluppando progetti culturali, sociali e produttivi capaci di futuro.
di Giovanni Teneggi

Le cooperative di comunità Le cooperative di comunità

Il Bene comune del Capitale naturale

Il “Capitale naturale”, espressione che ha sostituito quella di “Patrimonio naturale”, per la prima volta riesce a dare un valore economico alla natura. Bene comune per antonomasia, di cui tutti abbiamo bisogno, nessuno escluso.
di Vanda Bonardo

Il Bene comune del Capitale naturale Il Bene comune del Capitale naturale

L’abitabilità come bene comune

Nei territori montani l’autoregolazione abitativa trova un campo di applicazione privilegiato. Con lo scopo di organizzare l’arrivo delle nuove popolazioni in forma di comunità residenziale o prevenire lo spopolamento delle aree montane stesse.
di Francesco Minora

L’abitabilità come bene comune L’abitabilità come bene comune

Rifugiati in baita

Da hostis ad hospes, progetto di una struttura per l’accoglienza dei rifugiati nella borgata alpina di Coletta in Valle Anzasca.
di Matteo Tempestini

Rifugiati in baita Rifugiati in baita
Ultimi articoli:

Facebook, twetter e youtube = dislivelli.eu

16 aprile 2010, in: News

Dislivelli.eu, il sito della nostra associazione, sbarca sui social network. Via obbligata per raggiungere le giovani leve. Il futuro dei territori montani e del paese intero.

La montagna che educa

16 aprile 2010, in: News

Lo scorso 24 marzo la facoltà di Scienze della Formazione dell’Università di Bergamo ha ospitato un interessante seminario sull’imprenditorialità femminile in montagna, organizzato da Davide Torri, dell’associazione bergamasca Gente di Montagna. Tra i contributi più interessanti c’è stato quello di Noemi Michilini, educatrice della provincia di Varese che usa la montagna come strumento formativo rivolto ai ragazzi in difficoltà.
Di Giacomo Pettenati

Alta via dei monti liguri

16 aprile 2010, in: News

Vanessa, Paola e Cristina: tre giovani professioniste dell’ambiente animano un’associazione per la promozione dell’Alta via dei Monti liguri. 440 chilometri di sentiero da mettere in rete con le realtà culturali, economiche e ricettive dell’entroterra. Spesso dimenticate in favore dei più famosi paesi rivieraschi.
Di Maurizio Dematteis

I rifugi diventano presidi

16 aprile 2010, in: News

È stato firmato martedì 30 marzo 2010 presso la Sede centrale del Club Alpino Italiano a Milano il protocollo di collaborazione tra Cai, Uncem e Cervim (Centro di Ricerca, Studi, Salvaguardia, Coordinamento e Valorizzazione per la Viticoltura Montana) per la promozione dei prodotti gastronomici e vitivinicoli del territorio montano. I rifugi del CAI diventeranno vetrine per l’eccellenza enogastronomica delle terre alte.
Di Enrico Camanni

Confraternita acciugai

16 aprile 2010, in: News

La Val Maira, una delle più belle delle Alpi Cuneesi, era conosciuta in tutto il Nord Italia come valle degli anciuìe, grazie agli abitanti di alcune delle sue borgate che si sono specializzati nella vendita delle acciughe e per secoli hanno girato con i carretti le città per vendere il pesce conservato. Per mantenere vivo il ricordo della tradizione e utilizzarla per promuovere turisticamente la valle, è nata a Celle di Macra la Confraternita degli Acciugai della Val Maira.
Di Giacomo Pettenati

 Pagina 349 di 371  « First  ... « 347  348  349  350  351 » ...  Last » 
Web design e sviluppo: Resonance